• Per visualizzare questo contenuto devi essere registrato e abbonato

    Login | Registrati



Tardo Agosto

Tardo Agosto

202147 min
792 views

Immobili sagome di cavalli emergono a poco a poco dalle nebbie. L’arido sottobosco è bruciato dal fuoco. Il vento viene a spezzare via l’estate. Un elicottero porta l’acqua del mare a domare il fuoco alle porte della città. Intanto la camera segue, da lontano, quasi a non intromettersi troppo nella sua vita, il pastore nero che in un vecchio casolare prega il suo Dio, ara la terra riarsa prima dell’arrivo del temporale, ascolta la voce che gli annuncia la nascita di una figlia che non può vedere. Campi lunghi, inquadrature insistite, lenti movimenti di macchina e un ricco commento sonoro, senza una nota musicale e poche e lontane voci, ci immergono con prepotenza poetica nel paesaggio di un’isola ferita, la Sicilia.

Aggiungi un commento

Commenti degli utenti

  1. Sergio Gibellini

    Lunghe inquadrature che lasciano il tempo per ascoltare i suoni ed immaginare. Immagini che raccontano storie che rimangono impresse.
    Si ascolta il pastore parla al telefono con la sua compagna lontana e si sente il vagito di un bimbo. (Non conoscendo la sua lingua non si comprendeva, che era appena nata una figlia, non essendoci sottotitoli).
    Il povero placido cane, gli animali, l’ambiente sono anche protagonisti.
    Un modo di osservare il paesaggio, che abbiamo perduto, che non ci è più consentito, ma che potrebbe essere terapeutico.
    Un lavoro anticonformista soprattutto pensando che i giovani registi probabilmente sono sempre stati bombardati da immagini di tutt’altro tipo.
    Grazie ai registi ed a Zalab.

    10,0 rating

    Lunghe inquadrature che lasciano il tempo per ascoltare i suoni ed immaginare. Immagini che raccontano storie che rimangono impresse.
    Si ascolta il pastore parla al telefono con la sua compagna lontana e si sente il vagito di un bimbo. (Non conoscendo la sua lingua non si comprendeva, che era appena nata una figlia, non essendoci sottotitoli).
    Il povero placido cane, gli animali, l’ambiente sono anche protagonisti.
    Un modo di osservare il paesaggio, che abbiamo perduto, che non ci è più consentito, ma che potrebbe essere terapeutico.
    Un lavoro anticonformista soprattutto pensando che i giovani registi probabilmente sono sempre stati bombardati da immagini di tutt’altro tipo.
    Grazie ai registi ed a Zalab.

Cast & Crew

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi