• Per visualizzare questo contenuto devi essere registrato e abbonato

    Login | Registrati


REVELSTOKE

REVELSTOKE

201574 min
9 views

Il 15 ottobre 1915, tra le montagne del Canada Occidentale, un tragico incidente sul lavoro stronca la vita di AngeloConte, giovane emigrato veneto di 28 anni. Nei trenta mesi trascorsi lontano da sua moglie Anna, Angelo non smise mai di scriverle. Cent’anni dopo quelle lettere d’amore sono riemerse da un cassetto, dando vita ad una nuova avventura. Nicola Moruzzi, regista del documentario e pronipote di Angelo, parte per il Canada con la sua compagna Irene, sulle tracce del bisnonno scomparso.

Aggiungi un commento

Commenti degli utenti

  1. marco rivi

    Bella Nik!
    Bravi Ragazzi……

    Bella Nik!
    Bravi Ragazzi……

  2. Nino Raddi

    Indagare il passato è vedere il presente. Quanta fatica hanno fatto i migranti italiani per sperare una vita migliore per loro e la famiglia. Ho amici veneti che hanno parenti in ogni nazione delle Americhe e grazie agli sforzi dei loro avi godono oggi di una vita migliore. La sofferenza degli immigrati di oggi che scappano dalla guerra , dalla povertà per cercare un futuro migliore in Europa è la stessa dei nostri bisnonni . Grazie del racconto e dell’empatia poetica che siete riusciti a trasmettere anche con il commento musicale. Nino

    Indagare il passato è vedere il presente. Quanta fatica hanno fatto i migranti italiani per sperare una vita migliore per loro e la famiglia. Ho amici veneti che hanno parenti in ogni nazione delle Americhe e grazie agli sforzi dei loro avi godono oggi di una vita migliore. La sofferenza degli immigrati di oggi che scappano dalla guerra , dalla povertà per cercare un futuro migliore in Europa è la stessa dei nostri bisnonni . Grazie del racconto e dell’empatia poetica che siete riusciti a trasmettere anche con il commento musicale. Nino

  3. Isabella Colonna

    Mi è piaciuto molto. Mi ha fatto pensare a mio padre che negli stessi anni era andato a Chicago. Aveva solo 16 anni. Anche lui ha lavorato sulla ferrovia, ma non gli ho mai chiesto che lavoro faceva. Purtroppo ora non c’è più e non potrò più chiedergli i dettagli dei suoi 15 anni vissuti in Usa! Il documentario mi ha fatto sentire molto questa mancanza.

    Mi è piaciuto molto. Mi ha fatto pensare a mio padre che negli stessi anni era andato a Chicago. Aveva solo 16 anni. Anche lui ha lavorato sulla ferrovia, ma non gli ho mai chiesto che lavoro faceva. Purtroppo ora non c’è più e non potrò più chiedergli i dettagli dei suoi 15 anni vissuti in Usa! Il documentario mi ha fatto sentire molto questa mancanza.

  4. Renata Pasini

    La poesia di questa splendida ricerca-testimonianza sta tutta in “un bacio nel vento”, che suscita forti sentimenti! Angelo era davvero un poeta!
    Grazie

    La poesia di questa splendida ricerca-testimonianza sta tutta in “un bacio nel vento”, che suscita forti sentimenti! Angelo era davvero un poeta!
    Grazie

  5. ALBERTO MENEGHIN

    Complimenti per il lavoro svolto! Molto emozionante!

    Complimenti per il lavoro svolto! Molto emozionante!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi