• Per visualizzare questo contenuto devi essere registrato e abbonato

    Login | Registrati



RADIOGRAPH OF A FAMILY

RADIOGRAPH OF A FAMILY

596 views

Il film ripercorre la storia familiare della regista, figlia di padre laico e madre musulmana praticante, è il prodotto del conflitto tra laicità e ideologia islamica in Iran.

La relazione dei suoi genitori attraversa molti decenni: dall’era dello Scià alla Rivoluzione Islamica, passando attraverso la guerra Iran-Iraq, fino ai giorni nostri. Nella sua famiglia, come in tante altre, gli effetti della rivoluzione islamica hanno influito su ogni aspetto della quotidianità. Mentre il padre continua ad ascoltare Bach, la madre si dedica all’attivismo religioso, eliminando da casa le carte da gioco e le foto di donne senza hijab. Attraverso fotografie, lettere e voci dal passato, la regista racconta la sua infanzia, la storia di una famiglia divisa e di una figlia combattuta.La sua storia privata diventa metafora dei cambiamenti della società

Aggiungi un commento

Commenti degli utenti

  1. Sergio Gibellini

    Tanti complimenti a Firouzeh Khosrovani per il suo bellissimo film ed anche ringraziamenti per averci donato il racconto della vita dei suoi genitori.
    E’ anche un film sulla emancipazione femminile, sul rispetto tra i coniugi, sulle diverse culture.
    Ci lascia emozionati e fa riflettere.
    Si entra in empatia con la narratrice, si condividono i vari momenti della sua storia e, alla fine del film,ci si augura che Firouzeh sia stata e sia felice nella sia vita. Leggendo il suo curriculum sembra che lo sia stata avendo conseguito molti successi.
    Grazie anche a ZaLab che consente anche a chi è lontano dai cinema cittadini di vedere questi bellissimi film.

    10,0 rating

    Tanti complimenti a Firouzeh Khosrovani per il suo bellissimo film ed anche ringraziamenti per averci donato il racconto della vita dei suoi genitori.
    E’ anche un film sulla emancipazione femminile, sul rispetto tra i coniugi, sulle diverse culture.
    Ci lascia emozionati e fa riflettere.
    Si entra in empatia con la narratrice, si condividono i vari momenti della sua storia e, alla fine del film,ci si augura che Firouzeh sia stata e sia felice nella sia vita. Leggendo il suo curriculum sembra che lo sia stata avendo conseguito molti successi.
    Grazie anche a ZaLab che consente anche a chi è lontano dai cinema cittadini di vedere questi bellissimi film.

  2. Markus Nikel

    Straordinario nella sostanza come nella forma del racconto.

    10,0 rating

    Straordinario nella sostanza come nella forma del racconto.

  3. Alice Lucci

    Forse, uno dei documentari più belli visti in vita mia.
    Per milioni di ragioni, così diverse eppure così annodate tra loro.
    Per l’Iran di oggi, per l’Iran di ieri, per il verso della freccia che la parola Rivoluzione può indicare, per le donne, per i padri, per l’Europa, per una figlia che ha due genitori, per l’amore che una figlia può avere per due genitori, per uno + uno + uno che è una somma che non torna mai perché si incastra con altre migliaia di risultati, per la vita, per la morte, per la storia, per il futuro.

    10,0 rating

    Forse, uno dei documentari più belli visti in vita mia.
    Per milioni di ragioni, così diverse eppure così annodate tra loro.
    Per l’Iran di oggi, per l’Iran di ieri, per il verso della freccia che la parola Rivoluzione può indicare, per le donne, per i padri, per l’Europa, per una figlia che ha due genitori, per l’amore che una figlia può avere per due genitori, per uno + uno + uno che è una somma che non torna mai perché si incastra con altre migliaia di risultati, per la vita, per la morte, per la storia, per il futuro.

Cast & Crew

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi