• Per visualizzare questo contenuto devi essere registrato e abbonato

    Login | Registrati


NOSTALGIA DELLA LUCE

NOSTALGIA DELLA LUCE

201090 min
20 views

Nel deserto di Atacama, in Cile, sono installati i telescopi più potenti del mondo. Mentre gli scienziati esplorano le immensità del cielo, gli archeologi sondano il terreno alla ricerca delle tracce delle popolazioni precolombiane. Tra gli uni e gli altri si aggira un terzo fronte di ricerca: i parenti dei desaparecidos massacrati sotto il regime di Pinochet, a caccia dei resti dei loro cari.

Un film di struggente bellezza e accorata denuncia, un’originale e profonda riflessione sulla memoria.

Tags:
Aggiungi un commento

Commenti degli utenti

  1. Riccarda Mariani

    Un film di una bellezza struggente, che è riuscito a legare la memoria, il passato, con il mistero da cui tutti veniamo, il cielo. Solo chi ha memoria riesce a vivere la fragilità del presente. Fotografia e colonna sonora strepitose, all’altezza di una regia magistrale. Grazie!

    Un film di una bellezza struggente, che è riuscito a legare la memoria, il passato, con il mistero da cui tutti veniamo, il cielo. Solo chi ha memoria riesce a vivere la fragilità del presente. Fotografia e colonna sonora strepitose, all’altezza di una regia magistrale. Grazie!

    • comunicazione zalab

      Grazie a te per il prezioso contributo e commento!
      Speriamo che anche gli altri film siano di tuo gradimento. Un caro saluto e buon visioni!

      Grazie a te per il prezioso contributo e commento!
      Speriamo che anche gli altri film siano di tuo gradimento. Un caro saluto e buon visioni!

  2. Valentina Vivona

    Grazie per aver reso disponibile questo indispensabile documentario. Avete pensato alla possibilità di lasciare la scelta tra versione originale e doppiata?

    Grazie per aver reso disponibile questo indispensabile documentario. Avete pensato alla possibilità di lasciare la scelta tra versione originale e doppiata?

  3. Francesco Garbo

    meraviglioso! peccato per il doppiaggio..

    meraviglioso! peccato per il doppiaggio..

  4. David Ruben barbaglia

    Grazie per aver reso fruibile questo film di una potenza straordinaria! Sarebbe interessante vederlo anche in lingua originale. A presto

    Grazie per aver reso fruibile questo film di una potenza straordinaria! Sarebbe interessante vederlo anche in lingua originale. A presto

  5. Giuseppe De Ninno

    Bellissimo!
    +1 per la versione originale
    Grazie

    Bellissimo!
    +1 per la versione originale
    Grazie

  6. Marina Morani

    Peccato per il doppiaggio, la versione originale sottotitolata sarebbe stata preferibile.

    Peccato per il doppiaggio, la versione originale sottotitolata sarebbe stata preferibile.

  7. Laura Fantini

    Appena finito di vedere. Non riesco a “commentare” o forse lo sentirei riduttivo..
    ..Le donne di Calamo, non ne ero a conoscenza.
    E’ mai stato portato nelle scuole??
    GRAZIE Patricio Guzman. Grazie Zalab.

    Appena finito di vedere. Non riesco a “commentare” o forse lo sentirei riduttivo..
    ..Le donne di Calamo, non ne ero a conoscenza.
    E’ mai stato portato nelle scuole??
    GRAZIE Patricio Guzman. Grazie Zalab.

  8. Nino Raddi

    Grazie poesia in immagine ,musica nella memoria . Memoria di persone morte non per una guerra ma massacrate perchè desideravano un mondo di stelle , ” siamo figli delle stelle ” . Molto attuale perchè ” i negazionisti”vogliono cancellare la memoria all’umanità . Tre modalità di ricerca quella dell’astrofisico nel cielo , quella dell’archeologo sotto terra e quella delle donne nella memoria intima affettiva . Tre vie che racchiuderei nella sequenza del respiro di Valentina ( 1.25 )che avvolge con dolcezza suo figlio. Grazie Patricio Guzman . Grazie Zalab come sempre un ottimo lavoro

    Grazie poesia in immagine ,musica nella memoria . Memoria di persone morte non per una guerra ma massacrate perchè desideravano un mondo di stelle , ” siamo figli delle stelle ” . Molto attuale perchè ” i negazionisti”vogliono cancellare la memoria all’umanità . Tre modalità di ricerca quella dell’astrofisico nel cielo , quella dell’archeologo sotto terra e quella delle donne nella memoria intima affettiva . Tre vie che racchiuderei nella sequenza del respiro di Valentina ( 1.25 )che avvolge con dolcezza suo figlio. Grazie Patricio Guzman . Grazie Zalab come sempre un ottimo lavoro

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi