• Per visualizzare questo contenuto devi essere registrato e abbonato

    Login | Registrati


MOLECOLE

MOLECOLE

202068 min
57 views

Ci sono cose che è molto difficile per un padre condividere con suo figlio e che un figlio può iniziare a capire solo diventando padre.
Tra febbraio e aprile di quest’anno Andrea Segre, che da anni vive a Roma, è rimasto bloccato dal lockdown a Venezia, la città di suo padre e solo in parte anche sua. Lì stava lavorando a due progetti di teatro e cinema sulle grandi ferite della città: il turismo e l’acqua alta. Mentre girava il virus ha congelato e svuotato la città davanti ai suoi occhi, riconsegnandola alla sua natura e alla sua storia, e in qualche modo anche a lui. Ha raccolto appunti visivi e storie e ha trascorso quei giorni nella casa di famiglia, dove ha avuto modo di scavare nei ricordi di ragazzo e di figlio, che lo hanno trascinato più a fondo di quanto pensasse.


Archivi personali in super8 di Ulderico, il padre del regista e vero protagonista del film, si alternano a incontri con cittadini veneziani, che raccontano il rapporto tra la città e le acque e nello stesso tempo vivono l’arrivo inatteso del grande vuoto che ha invaso Venezia e gran parte del mondo. A tenere assieme le immagini sono la voce fuoricampo del regista, le musiche di Teho Teardo e un’atmosfera di attesa e stupore, che pervade tutto il materiale visivo ed esistenziale di questo strano viaggio, irreale (nel senso di fantastico) e irrealizzabile (nel senso di non programmabile, non organizzabile), ma nel cuore di un evento molto reale e storico, che ha segnato e segnerà il mondo per sempre.

Aggiungi un commento

Commenti degli utenti

  1. Sergio Gibellini

    Ringrazio Andrea Segre per questo film, per le straordinarie immagini, per le persone e la sua famiglia che ci ha presentato.
    La città, l’acqua, la solitudine, il ricordo di chi non c’è più sono una sintesi del periodo, un distillato dei nostri pensieri.
    E’ come se fossimo stati anche noi in quei luoghi in quei giorni.

    Ringrazio Andrea Segre per questo film, per le straordinarie immagini, per le persone e la sua famiglia che ci ha presentato.
    La città, l’acqua, la solitudine, il ricordo di chi non c’è più sono una sintesi del periodo, un distillato dei nostri pensieri.
    E’ come se fossimo stati anche noi in quei luoghi in quei giorni.

  2. Andrea Boscolo

    Andrea, grazie.

    Andrea, grazie.

  3. Alessandra Zora

    Venezia, le isole, la laguna. Un martedi’ di novembre quest’anno ho percorso in vaporetto la laguna nord sola, per arrivare a Burano, in mezzo al colore in una fredda giornata di sole e ho pensato alla vita qui: ti senti essere umano Andrea qui, tra la natura e il suo ritmo. Io sono di Padova e in città non sei piu’ essere umano. Grazie per questo bel docufilm, dove hai svelato Venezia e tuo padre.

    Venezia, le isole, la laguna. Un martedi’ di novembre quest’anno ho percorso in vaporetto la laguna nord sola, per arrivare a Burano, in mezzo al colore in una fredda giornata di sole e ho pensato alla vita qui: ti senti essere umano Andrea qui, tra la natura e il suo ritmo. Io sono di Padova e in città non sei piu’ essere umano. Grazie per questo bel docufilm, dove hai svelato Venezia e tuo padre.

Cast & Crew

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi