ISIS, TOMORROW

80 min
18 views

Attualmente non disponibile

Sarà in grado l’Iraq di accettare i figli dell’Isis come propri figli, di perdonare le loro madri, di riconciliare le anime del paese?

Nell’ideologia dell’Isis i bambini sono l’arma più efficace per portare nel futuro l’idea di un grande Califfato universale: eredi di un unico obiettivo, creare un mondo diviso a metà, da un lato gli jihadisti e dall’altro lato gli infedeli da sterminare. I lunghi mesi della guerra, vengono ripercorsi attraverso le voci dei figli dei miliziani addestrati al combattimento e a diventare kamikaze, fino a seguire i loro destini nella complessità del dopoguerra, un dopoguerra di vedove bambine e ragazzi marginalizzati, in cui il sangue della battaglia lascia spazio alle vendette e alle ritorsioni quotidiane, alla violenza come sola risposta alla violenza.

Aggiungi un commento

Commenti degli utenti

  1. gibellini.sergio@gmail.com

    Grazie per questo documentario. E’ agghiacciante e sconvolgente. Stroardinari i bambini. Un odio tra poveri autoimmune che si autorigenera. Che disgrazia essere nati sopra giacimenti di petrolio, Cui prodest?

    Grazie per questo documentario. E’ agghiacciante e sconvolgente. Stroardinari i bambini. Un odio tra poveri autoimmune che si autorigenera. Che disgrazia essere nati sopra giacimenti di petrolio, Cui prodest?

  2. Marina Morani

    Documentario molto forte ma allo stesso tempo bellissino e sicuramente necessario. Ho apprezzato la nitidezza delle riprese. Quello che rimane della citta bombardata e le persone che vi sopravvivono ti entra dentro con forte potenza visiva. Il confine labile tra carnefici e vittime e’ secondo me l’aspetto piu interessante. Le due prospettive si confondono, non c’e’ nessun vincitore e il presente e il futuro e’ doloroso per entrambi. E’ sconvolgente la lucidita’ dei bambini nei loro racconti. Un lavoro straordinario, anche solo per l’accesso nei territori e nel lavoro di interviste. Grazie

    Documentario molto forte ma allo stesso tempo bellissino e sicuramente necessario. Ho apprezzato la nitidezza delle riprese. Quello che rimane della citta bombardata e le persone che vi sopravvivono ti entra dentro con forte potenza visiva. Il confine labile tra carnefici e vittime e’ secondo me l’aspetto piu interessante. Le due prospettive si confondono, non c’e’ nessun vincitore e il presente e il futuro e’ doloroso per entrambi. E’ sconvolgente la lucidita’ dei bambini nei loro racconti. Un lavoro straordinario, anche solo per l’accesso nei territori e nel lavoro di interviste. Grazie

  3. Vincenza Gallo

    grazie per questo documentario

    grazie per questo documentario

Cast & Crew

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi