• Per visualizzare questo contenuto devi essere registrato e abbonato

    Login | Registrati



IF ONLY I WERE THAT WARRIOR

IF ONLY I WERE THAT WARRIOR

201575 min,
992 views

Disponibile dal 19 febbraio nell’anniversario del massacro di Addis Abeba del 1937, per ricordare una delle pagine più violente e meno conosciute del colonialismo italiano.

12 Agosto 2012: il comune di Affile (RM) inaugura un monumento dedicato al gerarca fascista Rodolfo Graziani, generale durante la Guerra ‘Etiopia del 1935 e primo viceré della nuova colonia. La notizia raggiunge la stampa internazionale e suscita un indignato scalpore. A Graziani viene imputato l’uso delle armi chimiche e li ricorso a violenti rappresaglie contro la popolazione civile. Crimini di guerra per per cui non fu mai processato, e che appartengono indelebilmente alle più oscure e controverse pagine del colonialismo italiano. Le comunità etiopi in tutto il mondo si mobilitano e organizzano proteste che dagli Stati Uniti arrivano fino ad Affile. A 75 anni dalla caduta dell’impero coloniale italiano, nuove generazioni di etiopi e di italiani si confrontano su un passato tormentato e ancora irrisolto.

Aggiungi un commento

Commenti degli utenti

  1. Sergio Gibellini

    Molto interessante. Grazie. E intanto anche oggi le guerre si continuano a fare, contro la volontà della maggior parte della gente, con stragi e con criminali che si cammuffano, che si giustificheranno e saranno onorati
    .

    10,0 rating

    Molto interessante. Grazie. E intanto anche oggi le guerre si continuano a fare, contro la volontà della maggior parte della gente, con stragi e con criminali che si cammuffano, che si giustificheranno e saranno onorati
    .

  2. Yuri La

    Sul tema, affrontato con un taglio differente, consiglio di recuperare il doc di Sabrina Varani “Pagine nascoste” (2017), film che come questo merita una distribuzione nelle sale. Riconciliarsi con il passato, posto che sia possibile, implica innanzitutto sapere ciò che ancora troppo poco sappiamo su quella vergognosa pagina di Storia chiamata colonialismo (in generale e nel periodo fascista in particolare) intercettando necessariamente quei pensieri e azioni (che il film documenta) che ci fanno capire che ancora oggi i conti con il fascismo non sono affatto chiusi.

    10,0 rating

    Sul tema, affrontato con un taglio differente, consiglio di recuperare il doc di Sabrina Varani “Pagine nascoste” (2017), film che come questo merita una distribuzione nelle sale. Riconciliarsi con il passato, posto che sia possibile, implica innanzitutto sapere ciò che ancora troppo poco sappiamo su quella vergognosa pagina di Storia chiamata colonialismo (in generale e nel periodo fascista in particolare) intercettando necessariamente quei pensieri e azioni (che il film documenta) che ci fanno capire che ancora oggi i conti con il fascismo non sono affatto chiusi.

  3. anne Chiolin

    queste lottte sono assolutamente necessarie, per rispetto degli uomini e donne, qualsiasi.
    Vorrei cambiare tante statue o monumenti: come possiamo costruire il futuro quando celebriamo persone che hanno uciso ? come costruire la pace quando i monumenti sono a onore di persone che destrugono? Fare verità, giustizia, mettere in valore persone che costruiscono la dignità ! Allora si, potremmo dire che iniziamo a diventare umanità.
    Fare della festa nazionale una sfilata delle armi è proprio errato ! La sfilata dovrebbe essere fatta da artigiani, agricultori rispettosi della natura, insegnanti, musicanti, esperti di storia, scienza, sociologia ecc. Questo per me sarebbe una vera festa nazionale : la nazione quotidiana che costruisce saperi e saper essere.
    Complimenti per questo film,
    vi incorraggio.
    Anne

    8,0 rating

    queste lottte sono assolutamente necessarie, per rispetto degli uomini e donne, qualsiasi.
    Vorrei cambiare tante statue o monumenti: come possiamo costruire il futuro quando celebriamo persone che hanno uciso ? come costruire la pace quando i monumenti sono a onore di persone che destrugono? Fare verità, giustizia, mettere in valore persone che costruiscono la dignità ! Allora si, potremmo dire che iniziamo a diventare umanità.
    Fare della festa nazionale una sfilata delle armi è proprio errato ! La sfilata dovrebbe essere fatta da artigiani, agricultori rispettosi della natura, insegnanti, musicanti, esperti di storia, scienza, sociologia ecc. Questo per me sarebbe una vera festa nazionale : la nazione quotidiana che costruisce saperi e saper essere.
    Complimenti per questo film,
    vi incorraggio.
    Anne

Cast & Crew

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi